www.marafoppoli.net -
 
EMDR
 
 
L’EMDR (Desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari) è un metodo che permette il trattamento dei traumi e dei ricordi del trauma. La sua efficacia è stata dimostrata sia per il Disturbo Post Traumatico da Stress che per i traumi di minore entità (APA, 1995).
 
Attraverso la stimolazione dei movimenti oculari, o altre forme di stimolazione destro/sinistra,  è possibile aiutare il cervello a rielaborare i ricordi legati alla situazione traumatica permettendo loro un miglior immagazzinamento e quindi riducendo il disagio provato dalla persona. L’evento traumatico provoca un congelamento del ricordo e ne impedisce una sua elaborazione. Questo crea un disturbo nella persona. La patologia insorge quando vi è un ricordo non elaborato che viene immagazzinato nella nostra memoria. L’equilibrio eccitatorio/inibitorio necessario per elaborare l’informazione viene disequilibrato. Accanto ai movimenti oculari saccadici sull’immagine del ricordo, vengono utilizzate anche le credenze negative ad esse associate e le emozioni negative per facilitare l’elaborazione del ricordo.
 
Le ricerche condotte su vittime di violenze sessuali, di incidenti, di catastrofi naturali, ecc. indicano che il metodo permette una desensibilizzazione rapida nei confronti dei ricordi traumatici e una ristrutturazione cognitiva che porta a una riduzione significativa dei sintomi del paziente (stress emotivo, pensieri invadenti, ansia, flashbacks, incubi). Infatti, questa nuova forma di psicoterapia è stata rivolta inizialmente al trattamento del Disturbo Post Traumatico da Stress, ma attualmente è un metodo ampiamente utilizzato per il trattamento di varie patologie e disturbi psicologici.
 
Le esperienze traumatiche possono riguardare:
 
Ø  incidenti
 
Ø  Piccoli/grandi traumi subiti nell’età dello sviluppo
 
Ø  Eventi stressanti nell’ambito delle esperienze comuni (lutto, malattia cronica, perdite finanziarie, conflitti coniugali, cambiamenti)
 
Ø  Eventi stressanti eccezionali quali disastri naturali (terremoti, inondazioni) o disastri provocati dall’uomo (incidenti gravi, torture, violenza)